Grazie cane

Ringraziare un cane randagio su Facebook è inutile come ringraziare Tommaso Paradiso per essere uscito dai The giornalisti. Non gli arriveranno mai i tuoi ringraziamenti e se gli arriveranno li ignorerà, anche perché: uno, chittesencula, e due, sono cani, e i cani non capiscono la lingua umana, sopratutto se è scritta, peggio se è cantata. […]

Read More Grazie cane

Non c’è follia più grande che credersi un io – spunti per darsi una regolata

Nessuno dice nulla di nuovo, sopratutto se quello di cui blatera riguarda fenomeni culturali che vanno oltre la propria sfera personale.  Come ebbe a dire Heidegger “noi non parliamo un linguaggio, ma siamo parlati dal linguaggio.” I pensieri e le parole sono nell’aria, li raccogliamo come fossero mele dagli alberi e poi diciamo che sono […]

Read More Non c’è follia più grande che credersi un io – spunti per darsi una regolata

Deserti

In molte tradizioni religiose le figure messianiche si ritirano in luoghi isolati o scompaiono per mesi. Maometto va a vivere in una grotta sul monte Hira, Buddha trascorrerà anni di ascesi in lande desolate, Gesù vagherà per quaranta giorni nel deserto in preda alle tentazioni del Male e alla miseria della solitudine. L’immagine del deserto […]

Read More Deserti

Gattonormale

Mentre guardo alcune foto d’epoca dall’album di una famiglia di sconosciuti, mi rendo conto che un gatto di duecento anni fa, tenuto in braccio da una signora con un corpetto di seta ricamato sui bordi e le maniche di un vestito che ormai nessuno indosserebbe più, è uguale in tutto e per tutto a un […]

Read More Gattonormale

Pratiche di ascolto attivo

Se vogliamo davvero comprendere qualcuno dovremmo fare uno sforzo creativo e immaginare cosa pensa mentre ci parla. Ascoltare attivamente significa ricreare nella nostra mente l’ambiente emotivo dell’altro e riuscire a leggerlo tra le righe. Dovremmo provare a indovinare, a reinterpretare le parole che sentiamo, perché è in questa capacità creativa che si sviluppa la fiducia, […]

Read More Pratiche di ascolto attivo

Io è un altro

Sono entrato in un negozio per comprare il cappello bordò esposto in vetrina. Un cappello bordò, chissà quale tono avrei voluto darmi con un cappello bordò? (Lo so che bordò non si scrive bordò, ma mi scoccia scrivere bourdeaux perché è troppo lungo, perciò, per essere brevi, scrivo bordò, dato che ho già ripetuto tre […]

Read More Io è un altro

La dittatura del vespaclub

Da dentro la macchina: – Per favore, può spostare la vespa così parcheggio anche io? Grazie. – No. -… No? – No. – Sta prendendo il posto di due auto, la metta in orizzontale! – Non prende il posto di due auto, ma di una soltanto. – È messa proprio a cavallo tra due posti […]

Read More La dittatura del vespaclub

brioches gelsi-e-panna

Magari mentre mangi una granita gelsi e panna pensi, che ne so, alla tua ex, e dici minchia ma proprio adesso ci devo pensare? Perciò cominci a chiederti perché si è comportata così e colà e non trovando risposte inzuppi la brioches nella panna e dici a te stesso che devi cambiare perché se non […]

Read More brioches gelsi-e-panna

Nuove lingue – le emoticons

Sono seduto in treno e di fronte a me sta una ragazzina che con i pollici più veloci dell’universo digita qualcosa sul suo smart-phone. Mentre mi alzo per prendere il romanzo dalla valigia posta in alto sul porta pacchi, lo sguardo mi cade su quello schermo acceso che tiene tra le dita. Mi metto sulle […]

Read More Nuove lingue – le emoticons